Giochi Animazione per Adulti per Animatori Turistici

 

GIOCHI PER SERATE
Può essere considerato il gioco di conoscenza e di coinvolgimento per eccellenza e, se è adatto per dare il via ad ogni serata, lo è ancor di più per “avviare” le conoscenze nel corso della serata di benvenuto. Il suo svolgimento è facilissimo. una volta partita la musica una coppia viene invitata a ballare e.. allo stop dell’animatore la coppia smette di ballare, e il cavaliere cerca fra i presenti una nuova dama che NON POTRA’ RIFIUTARE l’invito (lo stesso farà la dama che si dovrà trovare un nuovo cavaliere). Ora le coppie sono due e al nuovo stop si scioglieranno per cercare nuove dame e cavalieri divenendo 4 coppie, poi otto, sedici e così via sino a che, in brevissimo tempo, tutti i presenti, amanti o mano del ballo, saranno coinvolti nelle danze che termineranno in un gran finale a ritmo di samba.
Whisky, Coca Cola , Rhum
Numerose coppie ballano mentre l’animatore racconta una storiella che contiene più volte le parole Whisky, Coca Cola e Rhum. Ogni volta che menziona una di queste parole i ballerini dovranno fare i seguenti movimenti:
Whisky – l’uomo dovrà mettere un ginocchio a terra e la donna dovrà sedersi sulla coscia rimanendo immobile.
Coca cola – l’uomo dovrà prendere in braccio la donna e rimanere assolutamente immobili.
Rhum – l’uomo resterà immobile e la donna starà di fronte (anch’essa immobile) con le mani alzate. Si elimina chi sbaglia, l’ultima coppia che si posiziona e chi si muove.
La palla al piede
Gli uomini hanno un palloncino legato al piede destro con uno spago lungo circa 30 cm. Nel corso di un ballo lento l’animatore darà degli STOP della durata di 3/6 secondi e in questo breve lasso di tempo le donne dovranno cercare di far scoppiare i palloncini alle coppie avversarie. Vince l’unica coppia che riesce a mantenere il proprio palloncino intatto.
MATERIALE: spago, palloncini.
La danza del cigno
Una coppia (non essenzialmente composta da un uomo e una donna) dovrà parodiare il famoso brano di musica classica “la danza del cigno”. Compito dell’animatore sarà quello di fare una specie di radiocronaca brillante che aiuti i “ballerini” e che renda ancor più comica l’azione: “… il cigno balla felice, ignaro che il cacciatore è alla sua ricerca, ma ecco che il cacciatore ha visto il cigno e cammina furtivo per non farsi sentire: ora il cigno si accorge della inquietante presenza dl cacciatore e gira più volte su se stesso alla ricerca di un punto di fuga per poi correre a grandi balzi ma … inciampa e cade rovinosamente.. Il cigno si nasconde. Il cacciatore ricomincia la ricerca…”
Il girotondo
Vengono formati due cerchi (uno composto di sole donne e l’altro di soli uomini) dello stesso numero di persone. Al suono di una marcetta il cerchio esterno (gli uomini) girerà in senso opposto a quello delle donne. Allo stop dell’animatore tutti si dovranno fermare e gli uomini si metteranno con un ginocchio a terra. Le donne dovranno sedersi sulla coscia di uno degli uomini. Gli ultimi a formare coppia saranno eliminati.
Bum bum
E’ una gara fra due squadre, ciascuna delle quali è composta da 10 persone (di cui 5 donne) con in mano un palloncino precedentemente gonfiato. Ogni squadra ha a disposizione una sedia. Al via dell’animatore un componente di ciascuna squadra dovrà far scoppiare un palloncino appoggiandolo prima sulla sedia e sedendovisi sopra SENZA USARE LE MANI! Se il palloncino cade dalla sedia non lo si potrà rimettere al proprio posto, ma dovrà essere fatto scoppiare a terra sempre sedendovisi sopra. Quando il palloncino scoppierà toccherà al secondo componente della squadra e così via sino all’ultimo. Vincerà la squadra che avrà fatto scoppiare tutti i palloncini prima.
MATERIALE: due sedie e molti palloncini.
Il trovarobe
Ad ogni concorrente viene dato un sacco della spazzatura e un foglio (che chiameremo menù) sul quale sono elencati alcuni oggetti e il loro valore in punteggio. Eccoti un esempio di menù:
SCARPA …………….. PUNTI 1
REGGISENO ………..PUNTI 10
CALZA…………………PUNTI 2
CAPPELLO…………..PUNTI 3
OROLOGIO………….PUNTI 1
Nel tempo massimo di una canzone i concorrenti dovranno andare fra il pubblico e farsi consegnare (riportandoli nel sacco) il maggior numero di oggetti riportati nel menu. Ovviamente vince chi ha totalizzato il maggior punteggio.
MATERIALE: un sacco della spazzatura per ogni partecipante.
Corri e tira
dapprima si dovranno fare due grossi nodi alle estremità di una robusta corda lunga circa 5 metri che verrà distesa a terra. Poi verranno collocate due sedie alle estremità della corda. Si fronteggiano due concorrenti seduti sulle sedie e rivolti verso l’esterno come indicato nel disegno. I concorrenti si seggono sulle sedie e al via dovranno alzarsi e, correndo in senso antiorario, passare davanti alla sedia dell’altro concorrente arrivare alla propria sedia , sedersi e…. tirare la corda. Chi riesce per primo vince.
MATERIALE: due sedie, una corda robusta lunga 5 metri.
Il giornale
Non c’è limite alle squadre che possono partecipare a questo gioco . L’importante è che ogni squadra abbia un coordinatore che dia le direttive. Ad ogni caposquadra viene assegnato un foglio di giornale piegato in quattro che dovrà tenere nella cinta dei pantaloni. Al via ogni caposquadra dovrà aprire il giornale, metterlo a terra e farci stare il maggior numero di persone disponendole come meglio crede (anche a piramide). l’importante è che nessuno metta mani, piedi o… altro fuori dai limiti del giornale.
VARIANTE: il gioco si può attuare con le coppie. A suon di musica le coppie danzano e quando la musica viene interrotta l’uomo si siede sul giornale e la donna sopra.
MATERIALE: dei fogli di giornale, impianto stereo.
Limbo
E’ un classico gioco sudamericano in genere eseguito a ritmo di samba. Si tratta di passare sotto ad un’asta orizzontale con le ginocchia in avanti e le spalle indietro senza perdere l’equilibrio e senza toccare terra con le mani. Tutti coloro che vi riescono possono riprovare con l’asticella un po’ più bassa e così via. Vincerà chi riuscirà a passare sotto l’asticella più bassa.
MATERIALE: tre aste di legno (due verticali con supporti a varie altezza e una orizzontale), musica sudamericana.
L’arca di Noè
I concorrenti vengono divisi in uomini e donne in numero pari (fino ad un massimo di 14 persone totali). Gli uomini interpreteranno, ciascuno, un differente animale, mentre le donne interpreteranno le femmine degli stessi animali. Tutti vengono bendati, e mescolati poi, al via dell’animatore, dovranno tutti insieme emettere il proprio verso per richiamare il compagno. Vincono le prime tre coppie che si ritrovano.
Corsa dei vestiti
PARTECIPANTI: 4 o più persone.
REGOLAMENTO: I giocatori si dividono in due squadre disponendosi su due file dietro alla linea di partenza. Entrambi i capofila avranno in mano una valigia che conterrà tutti gli indumenti di cui sopra. Al segnale di partenza i due capofila apriranno la valigia e, dopo essersi vestiti di tutto punto, supereranno la linea di partenza e correndo raggiungeranno un’altra linea parallela alla prima distante circa 30 metri; si toglieranno in fretta i vestiti, li chiuderanno in valigia e ritorneranno con questa alla partenza. Il secondo giocatore dovrà ripetere tutta l’operazione, passare la valigia al giocatore seguente fino all’ultimo giocatore che dovrà consegnare la valigia al capo gioco. Vincerà la squadra più veloce. Compito del capo gioco sarà controllare che i vestiti siano indossati correttamente, la giacca abbottonata completamente, i guanti infilati, la sciarpa attorno al collo, e così via. Chi perde il cappello o un altro capo di vestiario in corsa deve tornare a prenderlo e indossarlo prima da ripartire.
MATERIALE: Una valigia, una giacca, un cappello, guanti e sciarpa.
Il figaro del palloncino
PARTECIPANTI: Numero imprecisato.
REGOLAMENTO: Questo gioco è conosciutissimo, si tratta di fare la barba al palloncino: quindi si cospargerà la superficie dello stesso di schiuma e il concorrente dovrà cercare di radere l’intero palloncino senza farlo scoppiare. Vince chi ci riesce o resiste di più.
MATERIALE: 1 palloncino a partecipante, schiuma da barba, rasoio da barba.
Il cameriere
Al via il concorrente dovrà indossare pantaloni, camicia, bretelle, gilet e papillon poi, dopo aver preso il vassoio con 4 bottigliette e 4 bicchieri vuoti dovrà correre verso il mare, riempire i bicchieri, tornare al punto di partenza e versare il contenuto dei bicchieri in una capiente brocca. Vince chi riesce, nel tempo di due minuti, a riempire maggiormente la brocca. Se durante il percorso cade una bottiglia o un bicchiere il concorrente si deve fermare, raccogliere e ripartire.
MATERIALE: un paio di pantaloni, un paio di bretelle, una camicia, un papillon, un gilet, un vassoio, quattro bottigliette, quattro bicchieri, una brocca.
Passo dell’oca
Vengono tracciate sul terreno delle strisce bianche che creino una serie di corsie larghe circa un metro e lunghe almeno 10 metri (tante corsie quanti saranno i concorrenti che si vorrà far partecipare in ogni manche. Si consigliano 3 corsie). Alla partenza di ogni corsia saranno sistemate tre grosse latte di conserva (in mancanza potrete utilizzare tre mattoni). Al via i concorrenti montano con un piede sopra ad una latta, con l’altro su una seconda e, cercando di mantenere l’equilibrio, devono prendere con le mani la terza latta e spostarla in avanti creando un punto d’appoggio successivo sopra la quale spostare un piede. Si libererà quindi la prima latta che dovrà essere spostata in avanti creando un nuovo punto d’appoggio e… così via sino all’arrivo. Chi scende o cade dal barattolo è costretto a tornare alla partenza e ricominciare tutto da capo.
MATERIALE: alcuni grossi barattoli di conserva (vuoti) o mattoni, gessetto.
Corsa con il cieco
I giocatori si dividono in coppie che dovranno mettersi schiena contro schiena e intrecciare le braccia. In questo modo uno dei giocatori vedrà il percorso e l’altro no. Le coppie dovranno raggiungere, il più velocemente possibile, una linea a 50 metri di distanza e superata la linea, dovranno tornare indietro senza girarsi. In questo modo il giocatore che prima aveva guidato la corsa diventerà cieco. E’ proibito sostenere il proprio compagno sulla schiena. Per rendere il gioco più difficile si possono disporre sul percorso una serie di ostacoli, come bottiglie da aggirare o oggetti molto bassi da saltare.

Lancio delle uova
Si tratta di un gioco a coppie che gareggiano contemporaneamente. Dapprima vengono formate le coppie (un uomo e una donna). poi tutti gli uomini vengono messi in una fila orizzontale e di fronte (a una distanza di almeno due metri) viene formata la fila delle donne (alle quali viene consegnato un uovo) facendo attenzione che ogni coppia si venga a trovare nella stessa posizione l’uno di fronte all’altro. Al via le donna dovranno lanciare l’uovo al loro compagno. Chi lascia cadere l’uovo e lo rompe sarà eliminato assieme al proprio compagno. L’animatore dopo ogni lancio, farà allontanare i concorrenti (4 mt, 8 mt, 10 mt, ecc.) affinché il lancio diventi più lungo e difficile.
MATERIALE: uova fresche
Gioco della patata
Schierare gli uomini in riga di fronte alle donne. Ai ragazzi verrà attaccato alla cintola
uno spago con una patata; a terra verrà posta un’altra patata. Aiutandosi con il bacino dovranno servirsi della patata legata allo spago per spingere in avanti l’altra fino ad arrivare alla propria compagna. Quest’ultima attenderà il cavaliere a gambe divaricate e la patata dovrà passarle sotto. L’ultima coppia viene eliminata.
MATERIALE: Spago – patate
Le mummie
Dare ad ogni signora un rotolo di carta igienica con cui dovrà avvolgere, proprio come una mummia, i proprio compagno. La mummia meno riuscita verrà eliminata. In caso di dubbio sarà il pubblico a decidere. MATERIALE: Rotoli di carta igienica
La mongolfiera
Fornire ogni coppia di un palloncino. L’uomo dovrà tenere le mani dietro la schiena e la sua compagna terrà il palloncino in modo che venga gonfiato dal partner fino a farlo scoppiare. La coppia che fa scoppiare per ultima il pallone viene eliminata. Chiaramente non vale che la donna usi le unghie per far scoppiare il pallone.
MATERIALE: Palloncini
Le sartine
Fornire le donne di un ago, una pezza da cucire ed una benda. L’uomo, anche lui bendato, avrà un pennarello ed un foglio e si sdraierà sulle ginocchia della donna che seduta dovrà cucire la pezza sul sedere del partner il quale dovrà, nel frattempo, disegnare un elefante. La peggior cucitura e il peggior disegno verranno eliminati.
MATERIALE: Aghi – filo – pezze – carta e pennarelli.
Il contrario
Un animatore esegue dei movimenti che i concorrenti dovranno imitare ma al contrario, es.:
l’animatore è seduto sullo sgabello con il cappello in testa e la cannuccia in mano; i concorrenti devono stare in piedi con il cappello in mano e la cannuccia in bocca. L’animatore eseguirà i movimenti sempre più velocemente ed il concorrente che per ultimo si posiziona correttamente viene di volta in volta eliminato.
Al posto della cannuccia si può utilizzare una trombetta di carnevale, e quindi creare un movimento in più, quello del suono della trombetta.
MATERIALE: Cappelli (bombette), sgabelli, cannucce o trombette (tutti gli oggetti, uno per concorrente)
Gioco del play-back
Improntata sul gioco musicale con le basi cantate da otto cantanti famosi. Le 4 donne dovranno interpretare in play-back le canzoni dei 4 cantanti maschili e viceversa per gli uomini. Vince chi meglio interpreta il cantante, nei movimenti e nell’abbigliamento.
Maschili: Vasco Rossi, Michael Jackson, Elvis Presley, Renato Zero.
Femminili: Anna Oxa, Tina Turner, Corona, Caterina Caselli. MATERIALE: Musicassetta con i brani di cui sopra.

Riconosci lui dal petto
Le mogli o fidanzate, a turno, bendate, dovranno riconoscere il proprio compagno toccandolo sul petto. Naturalmente gli uomini, a petto nudo, verranno mischiati fra loro.
MATERIALE: nulla.
Flessioni a sorpresa
Tutti i concorrenti, uomini, faccia al pubblico, dovranno esibirsi con delle flessioni a terra, In corrispondenza del viso, verrà posto un piatto fondo di plastica pieno di schiuma da barba.
MATERIALE: Piatti di plastica, schiuma da barba.
La macchia
Tutti i concorrenti, uomini, in un tempo prestabilito, dovranno cercare di lavare le magliette ed allo scadere del tempo, stenderle. Ovviamente i concorrenti non dovranno sapere che le macchie sono indelebili. Alla fine viene assegnato un punto a ciascun concorrente o squadra.
MATERIALE: Bacinelle grandi, assi da lavare, magliette macchiate, sapone da bucato (tutti gli oggetti uno per concorrente); siringa e colori per tessuto, filo da stendere e mollette.
Las Vegas
Dovrai creare degli angoli (magari illuminati solo da un faretto) dove dislocare i tre giochi da azzardo che il tuo Casinò propone.
Ogni gioco deve disporre di uno o più croupier, il cui costume è facilmente realizzabile (bastano infatti un paio di pantaloni neri, una camicia bianca con papillon, una giarrettiera di elastico nera sulla manica e una visiera). Ad ogni ospite che entrerà nel Casinò, verranno consegnate alcune fiches (per esempio 20 del valore ipotetico di 10$ ciascuna) che potrà utilizzare per giocare dove e come meglio crede (a consegnare le fiches potrebbe essere un’animatrice vestita da coniglietta). Attenzione la dotazione non è ripetibile!
Su dei grandi cartelli mesi vicino ad ogni tavolo da gioco starà scritta l’ora in cui il Casinò chiuderà inderogabilmente i propri battenti. Infatti a quell’ora non si potrà più giocare, ed ogni giocatore dovrà contare le proprie fiches: chi avrà il maggior numero, sarà dichiarato “uomo d’oro del Casinò” e vincerà il premio stabilito (per esempio: un week-end o una bottiglia di champagne).
Per rendere maggiormente credibile l’atmosfera del Casinò potrai proporre dei piccoli intermezzi di spettacolo (magari in playback tipo “Cabaret” di Liza Minelli, Madonna, Renato Zero, ecc.).
MATERIALE:
– Alcuni mazzi di carte da gioco.- Una roulette con tappeto.- Delle tovaglie di panno verde.
– Dei dadi (da poker) – molte fiches.- Costumi da croupier e da coniglietta.- Musicassetta.
Il Luna Park
Ecco un simpatico modo di animare una serata (che potrai utilizzare con successo anche di giorno) con rilassatezza, musica e… divertimento: il Luna Park!
Si tratta di riproporre alcune attrazioni tipiche del Luna Park in ipotetici baracconi, ma come sempre andiamo per ordine:
Addobbo
Sarà indispensabile addobbare il luogo preposto ad ospitare il Luna Park nel più festoso dei modi e sarà altrettanto indispensabile animarlo con delle musiche.
I baracconi
Se sei in grado di realizzare degli stands che ricordino i baracconi del Luna park avrai fatto il meglio, in caso diverso potrai sopperire con dei tavolini addobbati con nastri e palloncini colorati.
Il personale
Sarà necessario che ogni attrazione abbia un addetto (il Luna Park) che ti proponiamo avrà tre attrazioni, per cui ti saranno necessari altri due animatori oltre a te).

Il luogo
Si adatta ad ogni luogo e il Luna Park può essere indifferentemente allestito in un ambiente chiuso o aperto o anche sul ponte di una nave, ecc…
Il biglietto di partecipazione
Ogni partecipante dovrà disporre di un biglietto di partecipazione sul quale avrà scritto il proprio nome e che gli darà diritto di partecipare a tutte e tre le attrazioni. L’animatore preposto ad ogni attrazione annoterà il punteggio ottenuto sul biglietto di ciascun partecipante mettendogli anche la propria firma e quando tutti avranno giocato si nominerà il “re del Luna Park” (colui che ha realizzato il maggior punteggio)
N.B.: ti forniamo un fac-simile di biglietto che potrai fotocopiare ed utilizzare nel volume “Lo spettacolo continua”
I giochi
eccoti tre giochi che, ovviamente potrai variare e sostituire con altri a tuo piacere.
Il drago cinese
Per questo gioco occorre una certa preparazione che è però giustificata dall’effetto che non mancherà di creare divertimento.
MATERIALE: alcune palline da ping-pong, un grosso martello, un pezzo di cartone rigido, due “gomiti” di canna fumaria (trovabili da ogni ferramenta). La fabbricazione del “drago” è facilissima e ti viene spiegata chiaramente da questi disegni:
1) incastra i due gomiti di canna fumaria in questo modo;
2) con il cartone rigido sostieni i due gomiti nel seguente modo.
Ora il drago cinese è praticamente pronto!!! Non ti resta quindi che appoggiare il tutto su un tavolo, inserire una pallina da ping-pong nel drago e… il concorrente dovrà assestare una gran martellata cercando di colpire la pallina quando fuoriesce dal tubo.
Punteggio
Ogni partita tre prove e ogni pallina centrata darà diritto a 30 punti.
Tre palle un soldo
Si tratta del classico gioco dei barattoli. MATERIALE: 10 lattine di birra (magari decorate con della carta adesiva) e delle palle fabbricate con degli stracci.
Le regole sono semplicissime:
1) disponi le lattine a piramide sopra ad un tavolo;
2) il concorrente, stando alla distanza di circa 3 metri lancerà la prima palla centrando il maggior numero di lattine;
3) le lattine che cadono dal tavolo sono considerate eliminate, mentre quelle che rimangono sul tavolo, anche se sono cadute devono essere rimesse in pila per un secondo tiro. Lo stesso si deve fare per il terzo ed ultimo tiro.
Punteggio
3 punti per ogni lattina caduta dal tavolo.
Il pianta chiodi
Eccoti un altro classico del Luna Park: piantare un chiodo con tre colpi di martello!
MATERIALE: una trave di legno (possibilmente nodoso per rendere più difficile il gioco), un grosso martello (si adatta molto una piccola mazza) e i chiodi.
Lo svolgimento del gioco è facilissimo: un chiodo viene puntato nel legno per circa mezzo centimetro e il concorrente deve inchiodarlo interamente nella trave con tre colpi di martello (alle signore vengono concessi quattro colpi).
Punteggio: 50 punti per chi riesce.

Spaghetti valzer
I concorrenti, a coppie. dovranno ballare un valzer con uno spaghetto in bocca. Il gioco è ad eliminazione. Vince l’ultima coppia rimasta ingara.
MATERIALE: Spaghetti cotti
Palloncini gonfiati
Si formano due squadre e ognuna si disporrà su di una fila. Il capo gioco starà a un paio di metri dai due capofila e avrà in mano tanti palloncini sgonfi quanti sono i giocatori delle due squadre. Al segnale di partenza i capofila raggiungeranno il capo gioco, si faranno consegnare un palloncino e ritorneranno davanti ai loro compagni. Poi gonfieranno il palloncino, lo legheranno in modo che non si sgonfi e lo passeranno, tenendolo con due mani sopra la testa, al giocatore alle spalle. Il palloncino arriverà in questo modo all’ultimo della fila, che dovrà correre dal capo gioco, consegnare il palloncino gonfiato e farsene dare un altro sgonfio. Poi ritornerà all’inizio della sua fila. Il gioco continuerà allo stesso modo fino a quando l’ultimo pallone ritornerà al capofila iniziale. Naturalmente vince la squadra più veloce, a patto che nessuno dei suoi palloncini si sia nel frattempo sgonfiato. In caso contrario vince la squadra che ha più palloncini gonfi. Variante: anziché passare sopra le teste dei giocatori il palloncino passa tra le gambe divaricate. MATERIALE : palloncini.
Staffetta dei due secchi
PARTECIPANTI: Minimo 12 persone.
REGOLAMENTO: Si formano delle squadre. I giocatori di ogni squadra sono disposti in fila indiana, seduti a gambe divaricate uno dietro all’altro. Al via il primo immerge il bicchiere nel secchio, lo riempie e, passandoselo sopra la testa, senza voltarsi, lo passa al secondo e così via; l’ultimo verserà il contenuto del bicchiere, sempre senza voltarsi, in un secchio che si troverà dietro la sua schiena. Intanto il capofila avrà riempito e passato altri bicchieri in modo che la staffetta sia sempre in movimento. Vince la squadra che per prima ha riempito il secchio piccolo.
Note: se la stagione o il luogo non permettono l’uso dell’acqua si può far trasportare farina o segatura in piatti di plastica.
MATERIALE: 2 secchi (uno grande e uno metà del primo), bicchieri di plastica, un sacco di segatura o farina, acqua a volontà.
Gioco del colino
PARTECIPANTI: 2 persone.
REGOLAMENTO: Muniti di un colino ciascuno e con un braccio dietro la schiena i due concorrenti dovranno riempire le scodelle con l’aiuto del colino… nel minor tempo possibile.
MATERIALE: 2 scodelle e 2 bacinelle d’acqua, 1 colino per ciascun partecipante.
Corsa allo scoppio
E’ un gioco da organizzare in un giardino abbastanza grande; si preparano due percorsi uguali su cui verranno piantati dei lunghi paletti. In cima ad ogni paletto viene legato un palloncino gonfio (che deve distare 1,5 m. Da terra). I giocatori, divisi a coppie, si preparano alla partenza salendo uno in groppa all’altro. Al via le coppie devono raggiungere il primo paletto e il giocatore in alto dovrà far scoppiare il palloncino; quando lo avrà
scoppiato, si farà portare dal partner al secondo e dovrà procedere come prima. La coppia che per prima raggiunge il traguardo, dopo aver scoppiato tutti i palloncini, ha vinto. Per non rendere la gara troppo faticosa si può stabilire che solo un paletto su due abbia il palloncino da scoppiare e che l’altro debba solo essere aggirato.
MATERIALE : paletti, spago, palloncini.

Messaggi in velocità
Si preparino tanti bigliettini quanti sono i componenti delle due squadre. I bigliettini di ogni squadra conterranno ciascuno una parola che, unita alle altre, formerà una frase che rappresenta un ordine da seguire. Gli ordini ( e quindi i bigliettini) saranno uguali per ambedue le squadre. Si stabilirà una linea di partenza e, ad una distanza di 30 m. Circa, si pianteranno 2 bandierine dietro alle quali verranno sparpagliati i biglietti di ogni squadra.
Al via il primo giocatore di ogni squadra parte di corsa, raggiunge la bandierina, raccoglie uno dei biglietti e torna indietro. Quando ha superato la linea della partenza potrà partire un suo compagno di squadra che farà la stessa cosa, ritornando poi alla base. Mentre tutti i giocatori compiono la loro corsa i biglietti raccolti vanno letti dai compagni che dovranno cercare di capire qual è l’ordine che bisogna eseguire. La prima squadra che esegue esattamente l’ordine ha vinto, anche se non sono stati ancora recuperati tutti i biglietti. Esempi di ordini da far eseguire: “Mettersi in cerchio tenendosi per mano e gridare: -Evviva!”; “Fare una capriola e rialzarsi in piedi battendo le mani”; “Formare delle coppie e fare a due a due dei movimenti identici”. Se i giocatori sono meno di 4 per squadra ogni foglietto potrà contenere più di una parola. MATERIALE : 2 bandierine, carta e penna, nastri x squadre.
Staffetta dei bastoni
I giocatori sono disposti in fila indiana, seduti a gambe unite. Il primo giocatore tiene tra i piedi un bastone che, al via, senza toccarlo con le mani e ruotando con tutto il corpo all’indietro lo passerà al compagno che sta dietro, il quale lo riceverà con i piedi e, ruotando, lo passerà al compagno dietro e così via. La staffetta si gioca in andata ed in ritorno, perciò il bastone ritornerà al primo giocatore.
MATERIALE: bastoni lunghi un metro e di diametro non inferiore a 3 cm.
Le stesse risposte
Questo gioco si può eseguire a coppie od a squadre.
Si dividono i concorrenti, uomini da un lato e donne dall’altro. Si pongono delle domande alla quali tutti i concorrenti dovranno rispondere, scrivendo la risposta su di un foglio. Esaurite le domande, di ritirano i fogli ( ciascun concorrente avrà precedentemente scritto il proprio nome sul foglio consegnatoli) e si controllano le risposte delle coppie. Ad ogni risposta uguale verrà assegnato un punto.
1. Luogo e mese dove vi siete conosciuti.
2. In quale occasione vi siete conosciuti.
3. Qual è la vostra canzone.
4. Un pregio ed un difetto di lei.
5. Un pregio ed un difetto di lui.
6. Dove vi siete dati il primo bacio.
ecc.
Spaghetti valzer
Invitate tre coppie per squadra a ballare questo strano tipo di valzer.. Cercate naturalmente tre coppie che abbiano almeno un’idea di come si balla il valzer. Si gioca tutti insieme, fino all’ultimo spaghetto. Sì, all’ultimo spaghetto, infatti consegnerete ad ogni coppia uno spaghetto, che lo renderà inscindibile. Prima di dare inizio alle danze, fate mettere in bocca ai due partner le opposte estremità dello spaghetto. Quando tutti saranno pronti per iniziare, spiegate che la gara è ad eliminazione, vince cioè la squadra della quale fa parte l’ultima coppia rimasta in gara. Forza dunque con lo spaghetti valzer.
Spiegate ai concorrenti che in ogni caso devono ballare un valzer e non un lento. Le coppie devono essere almeno tre per parte, perché è molto facile che lo spaghetto si spezzi subito. Se invece alla fine restano una o più coppie che riescono a ballare senza spezzare lo spaghetto, non fate comunque durare il gioco in eterno, ma fissate un tempo limite. Il presentatore deve tenere viva la competizione, esortando i concorrenti a ballare più velocemente, dato che normalmente si verifica un rallentamento nel ballare dettato dalla paura di rompere lo spaghetto. Il segreto per non romperlo è quello di tenerlo tra le labbra umide, senza premerlo troppo: ma di certo vi guarderete bene dallo svelarlo ai concorrenti.

Se conosci altri giochi scrivi pure tra i commenti, non ti dimenticare di condividere il post