Vuoi lavorare in un Villaggio come Animatore Turistico?

Molti ragazzi scelgono le vacanze estive per lavorare in un Villaggio Turistico come Animatori.  Scopriamo alcune informazioni su questa figura professionale.

Sempre più ragazzi scelgono ogni anno di partire per il periodo estivo e lavorare presso un Villaggio Turistico come Animatore. L’animazione turistica è attualmente molto richiesta e rappresenta un ottimo modo per trascorrere le Vacanze Estive in modo divertente, guadagnare qualcosina e approfittare della situazione per conoscere nuove persone e imparare a relazionarsi con tutti, dai bambini agli anziani. Quasi tutti affrontano questa opportunità lavorativa come un gioco; pochi sanno che rappresenta a tutti gli effetti un lavoro, con tutte le caratteristiche che ne derivano.

Innanzitutto, è bene conoscere alcune piccole informazioni sul ruolo di un Animatore Turistico. Questi rappresenta una figura molto importante all’interno di un Villaggio Turistico: è il primo punto di riferimento per tutti gli ospiti durante tutto il periodo di vacanza. Ciò significa che, 24 ore su 24, l’Animatore dovrà essere sempre disponibile qualora ce ne fosse bisogno, anche se ha terminato il proprio turno di lavoro. Bisogna perciò prepararsi anche psicologicamente ad assumere in qualsiasi momento un atteggiamento professionale ed educato nei confronti dei clienti.

Qual è il compito che un Animatore Turistico svolge all’interno di un Villaggio? Dipende dalla candidatura. La divisione dei compiti è importante perché tutti gli ospiti possano praticare le attività previste e possano sentirsi a proprio agio. In particolare, si può essere assegnati alla custodia dei bambini, oppure alle attività sportive, oppure alla sorveglianza della piscina. In ogni caso, l’Animatore dovrà essere molto bravo a risolvere i problemi, lavorare in gruppo e saper organizzare attività di divertimento per grandi e piccini.

La candidatura come Animatore può avvenire sia online che direttamente presso le Agenzie. Il fattore età è molto importante, perché solitamente si scelgono giovani. La fase di preselezione avviene mediante un colloquio iniziale, a cui seguirà un programma di formazione, solitamente della durata massima di 5 giorni, qualora si venga scelti. Se ritenuti idonei, l’Agenzia d’Animazione di riferimento vi consentirà di sottoscrivere il contratto e partire. Le destinazioni possono essere tante e la scelta è molto ampia, sia in Italia, specie al Sud, che all’estero.

Il consiglio più importante è quello di rivolgersi sempre ad Agenzie Accreditate. In Italia ne esistono moltissime, tutte molto serie e professionali. Evitate di lavorare in un Villaggio Turistico come Animatore con uno salario minimo e senza alcun tipo di Contratto, né Assicurazione.

Fonte dell’articolo quifinanza.it